Autore Stefano Pigozzi

 

Stefano Pigozzi

 

Stefano Pigozzi, nato e “vivente” a Modena, ha sfiorato una laurea in Fisica e Matematica e già a quei tempi scribacchiava. Attorno ai quarant’anni si pose un traguardo da spaccone: scrivere una trilogia come James Ellroy, “maestro” da lui idolatrato. Metal Detector, vincitore del Premio Tedeschi 2006 e pubblicato nella prestigiosa collana del Giallo Mondadori, è il primo romanzo di questa trilogia cui hanno faranno seguito Rosso come il sangue e Non riuscirai a salvarle tutte, anche questi pubblicati nel Giallo Mondadori. Intervistato alcuni anni dopo ha dichiarato: “attorno al 2010 noleggio la cassetta di la Promessa dell’Assassino di Cronenberg, interpreti Viggo Mortensen e Naomi Watts, e cado in una sorta di transfert. Mi affretto a cercare la data di pubblicazione del lungometraggio e con sollievo vedo che è del 2007, un anno abbondante dopo la pubblicazione di Metal Detector. Perché? Bene, perché i personaggi e parte della trama sono davvero sovrapponibili… diciamo un buon cinquanta per cento. Lasciatemi dire che è stata una piacevole sorpresa perché il film è, come tutti i film di Cronenberg, bellissimo. Ed io ho pensato che, forse, anche un film tratto da Metal Detector avrebbe potuto funzionare… eh, sì.”
Dopo la trilogia accantona la scrittura per altri interessi … che qui è meglio non approfondire. Tre anni addietro però si rimette alla tastiera del vetusto HP e butta giù un thriller storico con decise sfumature esoteriche .
Per la rappresentanza si affida, convinto, alla BieMme servizi letterari, quindi si infila gli auricolari e si spara una playlist rigorosamente Black Sabbath, AC/DC ed Iron Maiden… è il suo modo di rilassarsi, mimando di suonare la Gibson Diavoletto di Angus Young.
E, considerato il tema del romanzo, Hell’s Bells è certamente adeguata.

 

 

Metal Detector Rosso come il sangue Non riuscirai a salvarle tutte